Scomparsa del Prof. Amadori

Oggi, alle 15 ora italiana, mentre si trovava all'estero, è scomparso improvvisamente il prof. Dino Amadori, Direttore scientifico emerito IRST IRCCS e Presidente dell’Istituto Oncologico Romagnolo (IOR).

"La morte improvvisa del prof. Dino Amadori - dichiara Renato Balduzzi, Presidente del Consiglio di amministrazione dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori - IRCCS - non soltanto lascia increduli i suoi familiari, gli amici e conoscenti che, ancora sino a pochi giorni fa, avevano potuto gioire della sua umanità e competenza, ma costituisce un significativo impoverimento per la sanità italiana ed europea, e un vuoto autentico per la Romagna tutta. Dino non si è mai sottratto al suo essere anzitutto medico, diremmo il medico di una volta, capace di sorridere, di rassicurarti, di ascoltarti, di proporti un percorso di speranza con parole comprensibili per tutti. Ma è stato un medico scienziato, che non ha mai smesso di studiare e di indagare i tumori con umiltà pari alle straordinarie qualità di ingegno e di capacità di lavoro. E altresì un medico organizzatore e promotore di legami, percorsi, protocolli. La sua creatura, la sua casa profonda è stato l'Istituto di Meldola, un gioiello tenacemente pensato, disegnato, praticato sin dalla costituzione dell'Istituto oncologico romagnolo. E infine un medico con una singolare capacità di fare squadra e di dirigere senza essere mai ingombrante, come sanno bene Giorgio Martelli e i direttori generali dell'Irst-Irccs che lo hanno preceduto, e come possono testimoniare, oltre ai tanti suoi allievi sparsi in Italia e nel mondo, soprattutto Mattia Altini, Fabio Falcini, Marco Maltoni, Giorgio Martelli, Giovanni Martinelli e Giovanni Paganelli, per menzionare i suoi più stretti quotidiani compagni nella battaglia contro il cancro. Profondamente legato al suo territorio e alla sua Regione come forse soltanto i romagnoli sanno esserlo, era cittadino del mondo, capace di attenzioni verso i più deboli e gli ultimi: ne sanno qualcosa, oltre che gli innumerevoli suoi pazienti italiani, i grandi e i piccini della Tanzania presso i quali si recava, con Patrizia, appena poteva. La nostra amicizia, cresciuta nel corso degli ultimi venticinque anni, ha costituito per me un dono prezioso, di cui ringrazio quel Signore della vita in cui Dino, anche in mezzo a prove e difficoltà, non ha mai smesso di credere e al quale non ha mai cessato di affidarsi".

Unito dal dolore profondo anche il ricordo del Direttore generale dello IOR, Fabrizio Miserocchi: "La morte improvvisa del Prof. Dino Amadori ci lascia tutti attoniti e sgomenti. Il nostro Presidente, il nostro fondatore, l’amico carissimo di tutti i consiglieri e collaboratori che hanno avuto la fortuna di godere della sua presenza. La stella polare dei nostri volontari a cui ha voluto bene uno ad uno. A chi rimane resta un lascito infinito di grandi insegnamenti, di valori e soprattutto le sue creature più grandi per le quali ha dato letteralmente la vita: lo IOR e L’IRST di Meldola. Ma la sua eredità più grande sarà l’impegno a cui ciascuno di noi sarà chiamato, affinchè, come diceva sempre “questo sia davvero il secolo in cui il cancro subirà il colpo decisivo”. Di più al momento, per rispetto al cordoglio della famiglia e al nostro dolore, non ci sentiamo di dirvi. Siamo sicuri che la nostra sofferenza sia quella di tutto il popolo dello IOR."

Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l.
Sede legale: Via Piero Maroncelli, 40 - 47014 Meldola (FC)
Tel. 0543 739100 - Fax 0543 739123
e-mail: info@irst.emr.it PEC: direzione.generale@irst.legalmail.it

Capitale Sociale interamente versato Euro 20.000.000,00 - R.E.A. 288572 (FC)
Reg. Imprese FC / Cod. Fisc. / Partita IVA 03154520401
Codice di Interscambio: L0U7KO4

  Privacy policy e Cookies |   Portale IRST |   Login

Seguici su - Follow us on

Questo sito fa uso di cookie tecnici

Questo sito fa uso di cookie tecnici, per permetterti la navigazione del sito, e per raccogliere statistiche anonime sull'utilizzo che ne fai. Scopri di più leggendo l'informativa.