Nuova speranza nella cura del tumore della vescica: promettenti risultati ottenuti dalla combinazione immunoterapia-chemioterapia

C'è una nuova speranza nel trattamento farmacologico del tumore della vescica: dopo dati favorevoli in altre neoplasie (polmone, rene, melanoma), la combinazione di chemioterapia e immunoterapia mostra risultati promettenti anche nella cura del tumore della vescica. A confermarlo i risultati del primo studio su tale combinazione pubblicati su una delle più prestigiose riviste scientifiche, The Lancet.

Al lavoro ha contribuito il gruppo Uro-ginecologico dell’Istituto Tumori della Romagna (IRST) IRCCS diretto dal Dr. Ugo De Giorgi che figura tra gli autori della pubblicazione. Sulla base dei risultati, gli autori, infatti, concludono che l’aggiunta di atezolizumab – un anticorpo monoclonale anti-PD-L1 capace di rimuovere i freni al sistema immunitario imposti dal tumore – alla chemioterapia a base di platino come trattamento di prima linea, mostri un significativo prolungamento della sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con carcinoma uroteliale avanzato, con un ottimo profilo di tollerabilità.

Tali risultati – commenta il Dr. De Giorgi – supportano l’ulteriore sviluppo della combinazione dell’immunoterapia con la chemioterapia come possibile approccio di prima linea nei tumori della vescica; il prossimo convegno mondiale dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) che si svolgerà da fine maggio in teleconferenza a causa del Covid, potrebbe portare ulteriori dati a favore di queste combinazioni con immunoterapia aprendo così un’ulteriore promettente speranza per i pazienti.

Il tumore alla vescica è una neoplasia che origina dalle cellule di rivestimento di questo organo e colpisce in Italia circa 27.000 persone, in gran parte uomini (oltre l’80% del totale) rappresentando il quarto tipo di neoplasia più diffusa nel genere maschile. I principali fattori di rischio riconosciuti risultano essere il fumo di sigaretta e l’esposizione a sostanze chimiche industriali. Il primo approccio terapeutico è chirurgico cui, in caso di tumore invasivo, può essere associato un trattamento chemioterapico.

Matthew D Galsky, José Ángel Arranz Arija, Aristotelis Bamias, Ian D Davis, Maria De Santis, Eiji Kikuchi, Xavier Garcia-del-Muro, Ugo De Giorgi, Marina Mencinger, Kouji Izumi, Stefano Panni, Mahmut Gumus, Mustafa Özgüroğlu, Arash Rezazadeh Kalebasty, Se Hoon Park, Boris Alekseev, Fabio A Schutz, Jian-Ri Li, Dingwei Ye, Nicholas J Vogelzang, Sandrine Bernhard, Darren Tayama, Sanjeev Mariathasan, Almut Mecke, AnnChristine Thåström, Enrique Grande.

Atezolizumab with or without chemotherapy in metastatic urothelial cancer (IMvigor130): a multicentre, randomised, placebo-controlled phase 3 trial.

The Lancet, Volume 395, Issue 10236, 16–22 May 2020, Pages 1547-1557

Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l.
Sede legale: Via Piero Maroncelli, 40 - 47014 Meldola (FC)
Tel. 0543 739100 - Fax 0543 739123
e-mail: info@irst.emr.it PEC: direzione.generale@irst.legalmail.it

Capitale Sociale interamente versato Euro 20.000.000,00 - R.E.A. 288572 (FC)
Reg. Imprese FC / Cod. Fisc. / Partita IVA 03154520401
Codice di Interscambio: L0U7KO4

  Privacy policy e Cookies |   Portale IRST |   Login

Seguici su - Follow us on

Questo sito fa uso di cookie tecnici

Questo sito fa uso di cookie tecnici, per permetterti la navigazione del sito, e per raccogliere statistiche anonime sull'utilizzo che ne fai. Scopri di più leggendo l'informativa.