Grazie a IRST, AUSL, IOR e AROP operativo a Rimini un nuovo oncologo pediatrico - 12 giugno 2015

Un nuovo medico è operativo da qualche temo nello staff del Servizio di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale “Infermi” di Rimini - coordinato dalla dottoressa Roberta Pericoli, nell’ambito dell’Unità Operativa di Pediatria diretta dalla dottoressa Gina Ancora – grazie ad una collaborazione tra Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (IRST) IRCCS, Istituto Oncologico Romagnolo (IOR), Azienda USL della Romagna e Associazione Riminese Oncoematologia Pediatrica (Arop).

Il medico è la dottoressa Elena Fabbri, e la sua presentazione ufficiale ha avuto luogo stamane con una conferenza stampa cui hanno partecipato, oltre alle tre dottoresse sopra citate, il professor Dino Amadori (Direttore Scientifico dell’Irst e presidente dello IOR), Fabrizio Miserocchi (Direttore IOR), Roberto Romagnoli (presidente Arop), il dottor Mattia Altini (Direttore Sanitario dell’Irst) ed il dottor Stefano Busetti (Direttore Medico del presidio Ospedaliero di Rimini – Santarcangelo – Novafeltria).

 Miserocchi (Ior), dott.ssa Fabbri, Romagnoli (Arop), Pericoli (Ausl), Amadori (Irst), Altini (Irst), Ancora (Ausl), Busetti (Ausl).

Oncologo specialista in pediatria, la dottoressa Fabbri opera grazie al sostegno di IOR e Arop, nell’ottica di una sempre maggiore collaborazione e sinergia nell’ambito del sistema delle cure oncologiche sul territorio romagnolo. Il dottor Busetti ha evidenziato come questo progetto sia anche simbolico: ne emerge, infatti, la grande collaborazione che sempre più si sta strutturando all’interno della rete oncologica romagnola che vede IRST e Ausl Romagna sempre più vicine. Concetti ribaditi anche dalla dottoressa Ancora e dalla dottoressa Pericoli, le quali hanno anche evidenziato la gratitudine nei confronti di IOR, AROP ed IRST per la disponibilità dimostrata, con l’auspicio che in futuro si possa concretizzare anche su altri progetti.

Comunemente il termine tumore non è associato all’infanzia o all’adolescenza, eppure il 2% delle neoplasie maligne si sviluppa nelle prime due decadi di vita e rappresenta, a tutt’oggi, la principale causa di morte per malattia nei paesi occidentali nella fascia di età 0-19 anni. Negli ultimi 40-50 anni sono stati fatti enormi progressi nella cura del tumore del bambino. Negli anni ‘50-‘60 la possibilità di guarigione era limitata alle neoplasie solide localizzate, aggredibili con la chirurgia e/o la radioterapia. Oggi, grazie alla strategia della terapia globale, impostata sulla combinazione di diversi chemioterapici associati, si e passati a tassi di guarigione che sfiorano l’80 per cento.

Dal 1 gennaio 1999 al 31 ottobre 2014 sono stati curati nel reparto dell'Infermi, 194 piccoli pazienti affetti da patologie oncoematologiche. Nei primi 3 anni il centro di Rimini curava bambini con patologie oncologiche selezionate: le leucemie. Dal 2002 si è registrato un costante aumento di pazienti con diagnosi di patologia oncologica: tale fatto è attribuibile sia ad un’aumentata fiducia nelle competenze professionali della Unità Operativa di Rimini, sia al potenziamento dell’area pediatrica con l’avvento della chirurgia pediatrica nel settembre 2002. Il primo gennaio 2014 è nata l’Azienda Unità Sanitaria Locale della Romagna, all’interno della quale è stato fatto un lavoro di rete con le pediatrie ospedaliere di Cesena, Forlì e Ravenna che si è concretizzato in una maggiore centralizzazione su Rimini dei pazienti oncoematologici pediatrici. In particolare da quella data al 31 ottobre 2014 sono state diagnosticate 30 nuove neoplasie maligne rispetto alle 17 del 2013 e alle 13 del 2012. Numeri che hanno reso indispensabile l'incremento di risorse professionali cui l'incarico alla dott.ssa Fabbri è la risposta.  

Il direttore dello IOR, Fabrizio Miserocchi ha sottolineato: “Questa iniziativa risponde alla mission dello IOR, affiancare la struttura pubblica in progetti di valore, legati all’oncologia che soddisfino i bisogni dei cittadini romagnoli. Voglio anche dare merito al lavoro di squadra che in pochi mesi ha dato risposta ad un bisogno. Da padre di famiglia e riminese sono felice che sia riconosciuto il valore di questo reparto che oggi assiste bambini da tutta la Romagna. Auguro allo staff della dott.ssa Roberta Pericoli e alla dottoressa Elena Fabbri di continuare nell’eccellente lavoro svolto finora”.

Mentre il presidente dell’Arop Romagnoli ha a sua volta sottolineato che “in ambito sanitario la differenza la fanno le persone, perciò siamo stati felici di aver contribuito a questo progetto, così come saremo felici di partecipare ad altri progetti in futuro”.

Per quanto attiene all’Irst, il direttore sanitario Altini ha spiegato che “sono due le ragioni che oggi mi rendono estremamente felice: la prima riguarda il fatto che questo progetto sia la dimostrazione di quanto le grandi cose si possano realizzare solo unendo le forze; l’altra ragione, invece, è personale: in quanto padre di tre figli mi sento tutelato dalla presenza nel nostro territorio di un polo oncoematologico pediatriaco così qualificato, pienamente inserito nella programmazione regionale e in grado di dialogare a pieno titolo con il centro di riferimento così come definito dal decreto Balduzzi. La presenza del Servizio di Rimini assicura la possibilità di usufruire di assistenza in prossimità, elemento fondamentale per la famiglia del piccolo paziente”.

Mentre il professor Amadori ha osservato: “Dagli interventi che mi hanno preceduto traspaiono le grandi aspettative che ci sono verso lo sviluppo di questo servizio; ma io sono convinto sia possibile fare ancora di più, raggiungere obiettivi ancora più grandi. All’interno del network che abbiamo intenzione di promuovere – una rete a guida Irst e Ausl che sappia valorizzare le competenze sia nella gestione delle terapie non invasive sia in quelle chirurgiche; una rete che sia riconosciuta a livello europeo per le attività di ricerca – una realtà come l’Oncoematologia pediatrica trova una collocazione fondamentale, l’occasione continua di crescita. Così come quando partì la mia avventura professionale anche oggi per realizzare grandi progetti occorre siano ricompresi tre elementi: l’analisi dei bisogni e della situazione, un’idea seria, il sostegno di tanti. Primo frutto di questa consapevolezza fu, nel ’79, la nascita dello IOR, associazione che oltre a permettere alla Romagna di raggiungere un livello di assistenza oncologica tra le migliori, precorreva in sé il concetto di Area Vasta, il fatto che solo uniti si possano ottenere risultati importanti. Lo stesso metodo mi permette di sostenere che oggi il network sia la miglior risposta ai crescenti bisogni dei malati. E’ un progetto complesso, ma partiamo dalla miglior premessa: il fatto che Irst e Ausl riconoscano l’un nell’altro una grande opportunità di crescita”.

Il servizio di Oncopediatria dell'Infermi di Rimini

La dottoressa va ad aggiungersi agli operatori che già svolgono attività esclusiva per il servizio (ai quali si sommano, ovviamente, le consulenze con gli altri professionisti ed operatori dell’Ospedale e dell’Azienda), vale a dire:

• 3 medici dedicati (dottoressa Roberta Pericoli, responsabile di struttura semplice, dottoressa Beatrice Filippini, dottor Gianluca Vergine);

• un medico con contratto libero professionale (dottoressa Valentina Corazzi);

• un infermiere per turno all’interno dell’area a bassa carica microbica;

• un infermiere a tempo pieno e uno part time in Day Hospital;

• una Psicologa attiva 5 giorni la settimana con contratto libero professionale (dottoressa Samanta Nucci);

• una Segretaria dipendente a tempo pieno dell’Associazione Riminese di Oncologiaematologia Pediatrica (A.R.O.P.);

• una data manager (dottoressa Alessandra Affatato) dipendente I.O.R.

Il servizio Il centro di Oncoematologia Pediatrica è situato in un’area a bassa carica microbica a pressione positiva disponibile su 6 posti letto (2 stanze singole e 2 a due posti). All’interno di questa area è presente anche una sala giochi, tavolo di lavoro e cucinetta. Di questi 6 posti letto 2 vengono impiegati esclusivamente per i pazienti con patologia oncoematologica. Il centro dispone, inoltre, di Day hospital con stanze dedicate e un appartamento adiacente all’ospedale per ospitare pazienti non residenti in zone limitrofe. Day Hospital che, tra l’altro, è stato recentemente ampliato e ammodernato grazie alla donazione di una benemerita privata cittadina.

Approfondimento sulle patologie tumorali pediatriche a Rimini e in Romagna 

Istituto Romagnolo per lo Studio dei Tumori "Dino Amadori" - IRST S.r.l.
Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico
Sede legale: Via Piero Maroncelli, 40 - 47014 Meldola (FC)
Tel. 0543 739100 - Fax 0543 739123
e-mail: info@irst.emr.it PEC: direzione.generale@irst.legalmail.it

Capitale Sociale interamente versato Euro 20.000.000,00 - R.E.A. 288572 (FC)
Reg. Imprese FC / Cod. Fisc. / Partita IVA 03154520401
Codice di Interscambio: L0U7KO4

  Privacy policy e Cookies |   Login |   Portale dipendente

Seguici su - Follow us on

Questo sito fa uso di cookie tecnici

Questo sito fa uso di cookie tecnici, per permetterti la navigazione del sito, e per raccogliere statistiche anonime sull'utilizzo che ne fai. Scopri di più leggendo l'informativa.