Nuova RMN e riqualificazione del San Giuseppe, via ai lavori - 13 ottobre 2014

Le Direzioni IRST e l’Assessore alle Politiche per la Salute presentano l’avvio dei lavori d’installazione della nuova Risonanza Magnetica a 3 Tesla (l’unica in Romagna) e l'imminente riqualificazione dell’Istituto San Giuseppe con finalità di edilizia sociale

Nuovi investimenti nell’alta diagnostica, l’imminente via ai lavori di riqualificazione dell’Istituto San Giuseppe secondo i canoni dell’edilizia sociale, l’approvazione del nuovo Statuto. Prosegue, lungo diverse direttrici, il percorso di consolidamento dell’IRST quale Istituto di ricerca e cura di riferimento per la rete oncologica regionale. Tasselli fondamentali illustrati durante una conferenza stampa alla presenza dei Direttori IRST, Marcello Tonini (Direttore generale), Mattia Altini (Direttore sanitario), Dino Amadori (Direttore scientifico) e dell’Assessore alle Politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna, Carlo Lusenti.

La conferenza si è tenuta a conclusione dell’Assemblea dei Soci durante la quale è stato approvato il nuovo Statuto. Attraverso l’aggiornamento del testo, in particolare, la Regione Emilia-Romagna dà seguito all’ingresso nel capitale quale socio di maggioranza consolidando il proprio ruolo negli assetti decisionali IRST e soprattutto fornendo ulteriore decisivo impulso al ruolo dell’Istituto nel progetto della Rete oncologica della Romagna. In particolare si specifica la definizione dell’oggetto sociale dell’Istituto, evidenziando e rafforzando il suo ruolo pubblico nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale e del Servizio Sanitario Regionale e si adegua, quindi, la governance dell’Istituto secondo il principio della separazione tra le funzioni di indirizzo e verifica e quelle di gestione dell’Istituto. Dopo questo primo importante passaggio istituzionale, i soci hanno discusso e assunto l’impegno di proseguire con l’elaborazione degli ulteriori atti che, in attuazione della L.R.22/2013, possano consentire la futura configurazione del ruolo e del regime di finanziamento dell’Istituto, nell’ambito del SSR in coerenza con quanto verrà contestualmente definito nel processo di consolidamento dell’Azienda Unica della Romagna.

A dimostrazione dell’impegno dell’Istituto nel perseguimento dei propri obiettivi sono state illustrate due progettualità, una di cura e ricerca, l’altra di accoglienza: l’installazione della nuova Risonanza magnetica a 3 Tesla (avvio attività previsto per febbraio-marzo 2015) per diagnostica avanzata e cura e l’imminente avvio dei lavori di riqualificazione dell’Istituto San Giuseppe. La Risonanza magnetica 3 Tesla in corso di installazione al primo piano della palazzina in costruzione negli spazi retrostanti l’istituto (struttura che ospiterà anche studi e laboratori di ricerca), rappresenta una piattaforma altamente evoluta che combina due tecniche - la risonanza magnetica per localizzare e diagnosticare i tessuti cancerosi e una tecnica di emissione di ultrasuoni focalizzati ad alta intensità (HIFU) per 'bruciare' le cellule maligne - e costituisce un nuovo sistema non invasivo per il trattamento del cancro. Le potenzialità del sistema formato da una Risonanza Magnetica Philips Ingenia 3.0 Tesla Omega HP e da Philips Sonalleve MR-HIFU (costo complessivo circa 1,8 milioni di euro; investimento coperto totalmente grazie a donazione eseguita da Fondazione Cassa dei risparmi di Forlì, Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena, Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, Istituto oncologico romagnolo e Romagna Solidale – Fondazione fra imprese di Romagna per la solidarietà sociale) permettono di effettuare una diagnostica del funzionamento di organi e tessuti attraverso la misurazione dei cambiamenti di temperatura all’interno del corpo del paziente, rendendo possibile la pianificazione ed il monitoraggio in tempo reale di trattamenti ablativi ovvero di terapia basata sul principio che energie termiche direttamente rivolte contro le lesioni neoplastiche possano portare alla distruzione delle stesse attuate tramite la tecnica HIFU. Il sistema offre ai pazienti affetti dal cancro la possibilità di sottoporsi a un nuovo trattamento non invasivo più tollerabile e senza gli effetti collaterali negativi della chemio e della radioterapia. In base al progetto di collaborazione scientifica con Philips, potranno essere curati i fibromi uterini e la palliazione del dolore da metastasi ossee, oltre al trattamento dei tumori prostatici, dei tumori epatici (primitivi e secondari), dei tumori al rene e al seno. Altre applicazioni possibili, ma non in programma al momento sono il trattamento dei tumori al pancreas e dei tumori delle vie biliari. A fianco delle attività di diagnostica, saranno avviati tre progetti di ricerca finalizzati alla valutazione dell’accuratezza diagnostica, sicurezza, tollerabilità, comfort e costo-efficacia di questo tipo d’indagine diagnostica, il suo utilizzo nell’individuare l’epatotossicità dei farmaci chemioterapici e il ruolo degli ultrasuoni focalizzati ad alta intensità guidati dalla Risonanza Magnetica 3 Tesla (MR-HIFU) nel trattamento del dolore da metastasi ossee da tumori solidi.

Se la ricerca è fattore fondante dell'eccellenza in qualunque campo, in quello sanitario non può però prescindere dagli aspetti legati all'accoglienza, alla parità d'accesso alle migliori chance terapeutiche, al rispetto per le esigenze del singolo paziente. Tra queste, la riqualificazione dell’Istituto San Giuseppe secondo i canoni dell’housing sociale, assume ruolo centrale nell’offerta di servizi pensati per alleviare situazioni di possibile disagio a chi è già sottoposto al carico della malattia. Al termine della ristrutturazione (l’avvio dei lavori è fissato per fine anno mentre la consegna è prevista entro aprile-marzo 2016) l’Istituto San Giuseppe potrà ospitare studi medici, aree incontro/formazione ma soprattutto 30 camere di varia tipologia, arredate per accogliere adeguatamente pazienti oncologici a prezzi calmierati. Il progetto, frutto di un articolato piano di finanziamento che intreccia risorse messe a disposizione dal Fondo Polaris, un bando per l'edilizia sociale del Fondo Emilia-Romagna Social Housing e un significativo impegno della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, impegnerà in tutto un totale investito di circa 3,5 milioni di euro. Grazie all’impegno diretto della Fondazione Carisp Forlì che accantonerà la somma necessaria nell’arco di 13 anni, la struttura sarà poi acquisita da IRST. L’offerta dell’Istituto si rivolgerà, anzitutto, ai pazienti e/o a chi se ne prende cura che, non residenti nelle vicinanze di Meldola, nella pausa tra una terapia e l'altra o per terapie eseguite ambulatorialmente su più giorni consecutivi (come nel caso della Radioterapia per i quali i tempi medi di accesso in IRST si attestano intorno ai 25 giorni), hanno necessità di alloggiare vicino all’Istituto, in un luogo confortevole e adeguato, a prezzi accessibili. Si tratta di una parte significativa di utenti IRST. Dal 2007, anno di avvio delle attività, l’Istituto ha incrementato continuamente i propri dati d'esercizio e, parallelamente, gli obiettivi di cura e ricerca. L’implementazione dei servizi offerti segue di pari passo la crescita, di anno in anno, del numero di pazienti. Se nel 2012 gli utenti unici che si sono rivolti alle sedi IRST sono stati 14.770, nell’anno concluso da poco la cifra è stata di 15.962 di questi circa il 20% provenienti da fuori Regione Emilia-Romagna. La struttura sarà aperta anche a chi vive IRST sotto il profilo professionale, quindi relatori o partecipanti a congressi, ricercatori, studenti universitari, tirocinanti.

Istituto Romagnolo per lo Studio dei Tumori "Dino Amadori" - IRST S.r.l.
Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico
Sede legale: Via Piero Maroncelli, 40 - 47014 Meldola (FC)
Tel. 0543 739100 - Fax 0543 739123
e-mail: info@irst.emr.it PEC: direzione.generale@irst.legalmail.it

Capitale Sociale interamente versato Euro 20.000.000,00 - R.E.A. 288572 (FC)
Reg. Imprese FC / Cod. Fisc. / Partita IVA 03154520401
Codice di Interscambio: L0U7KO4

  Privacy policy e Cookies |   Login |   Portale IRST

Seguici su - Follow us on

Questo sito fa uso di cookie tecnici

Questo sito fa uso di cookie tecnici, per permetterti la navigazione del sito, e per raccogliere statistiche anonime sull'utilizzo che ne fai. Scopri di più leggendo l'informativa.