mercoledì 21 novembre 2018
IRST - Meldola
 
Dall'Italia all'Europa, il progettoTRACe diventa caso di studio - 11 luglio 2018

“TRACe” è stato preso come oggetto di studio dal gruppo di ricerca europeo CF4ESIF che ha selezionato e analizzato 104 progetti di interesse pubblico finanziati in Europa con le donazioni di privati cittadini sulle piattaforme di crowdfunding

TRACe, primo esempio di crowdfunding in Italia in ambito di ricerca sanitaria e oncologica promosso dall’Istituto Tumori della Romagna (IRST) IRCCS nel 2017, è stato tra i progetti protagonisti della terza edizione del CrowdCamp, conferenza internazionale sul tema crowdfunding civico organizzata a fine giugno a Bologna da ASTER, Società della Regione Emilia-Romagna per l’innovazione e la ricerca industriale, in collaborazione con European Crowdfunding Network.

Il progetto TRACe – collegato ad uno studio sulle cellule tumorali circolanti – è stato, infatti, scelto come caso interessante da illustrare per quanto riguarda le buone pratiche del crowdfunding civico. La sua unicità risiede nel fatto che è stato finanziato attraverso l’attività di raccolta collettiva e collaborativa di fondi effettuata sulla piattaforma Ginger svolta da IRST in collaborazione con il network regionale Kick-ER, uno strumento di orientamento e aiuto gestito da ASTER per chi vuole intraprendere questo tipo di iniziative.

Il modello che si è sviluppato è stato preso come caso di studio – unico progetto in ambito sanitario/ricerca in Europa ad essere stato scelto – dal gruppo di ricerca europeo “CF4ESIF”. I ricercatori hanno selezionato e analizzato in tutto ben 104 progetti relativi a molteplici tematiche di interesse pubblico finanziati con le donazioni di privati cittadini sulle piattaforme di crowdfunding europeo scegliendone solamente 7 – tra cui, appunto, TRACe – da inserire come casi esemplari nel report “Triggering Participation” con i dati sulle buone pratiche del crowdfunding civico.

Durante la conferenza di Bologna, a raccontare l’esperienza IRST è stata la Dr.ssa Giulia Gallerani, cuore e anima della campagna TRACe e ricercatrice del Laboratorio di Bioscienze IRST IRCCS che sta conducendo lo studio riguardante un nuovo metodo di diagnosi del tumore basato sull’identificazione delle cellule tumorali circolanti (CTC) insieme ai colleghi Francesco Fabbri, Pietro Fici, Claudia Cocchi e Martine Bocchini. Grazie al sostegno di “Kick-ER” di ASTER l’Istituto Tumori della Romagna (IRST) IRCCS ha avviato una campagna di raccolta fondi sulla piattaforma Idea Ginger e ha superato la cifra necessaria per portare avanti il progetto di ricerca (20mila euro) raggiugendo la cifra di 25mila euro.


A cura di:
  Ufficio Comunicazione
IRST - Meldola

Data pubblicazione:  11/07/2018
 

Ritorna
Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l.
Sede legale: 47014 Meldola (FC) Via Piero Maroncelli, 40
Capitale Sociale interamente versato Euro 20.000.000,00 - R.E.A. 288572 (FC)
Reg. Imprese FC/Cod. Fisc./Partita IVA 03154520401
Tel. 0543 739100 - Fax 0543 739123
e-mail: info@irst.emr.it - internet: www.irst.emr.it
PEC: direzione.generale@irst.legalmail.it